Seleziona una pagina

Enzo Gioviale

Avere i nostri dentro sè

… le radici di ognuno di noi …  l’appartenenza non è un insieme casuale di persone e non è un consenso a un’apparente aggregazione …

… l’appartenenza è avere gli altri dentro di sé …

… è per avere una presenza autentica … è per vivere in pienezza le relazioni …

… la vera appartenenza è

«avere i nostri dentro noi»

… come carne della nostra carne … pensiero dei nostri pensieri … parte della nostra stessa vita …

… e le radici dei nostri familiari e dei nostri amici veri vanno sempre vissuti …

 

… una fanciullezza molto felice e serena con genitori magnifici … papà che dopo aver fatto da socialista l’assessore al commercio e la Mamma che arrivata da Sydney per visitare l’Italia … si incontrano e si sposano … sono cresciuto anche tra i nonni e le zie paterni … le magnifiche Zia Peppina e Zia Catuzza … e zio Totò padrino di battesimo … c’è poi Giorgio Senior … primo cugino a cui lego Don Mario Tarallo parroco rivoluzionario …

 

 Zia Catuzza e Zia Peppina:

i gioielli di Casa Gioviale

… allorchè sino all’età di sei anni vissuti a Martone per poi trasferirsi a Soverato … e con molte puntate in Australia a visitare i Nonni materni … Zia Marianne e Zia Patrizia favolose … la gioia del piccolo comune e la brillantezza di una città come Sydney da cui apprendere il focolaio del villaggio e la maestosità di una Opera House … due sorelle stupende …

KYIV

… ricordo vivamente quando legato alla mano di Papà si andava nella stessa Martone per salutare il Presidente Cutrona e non mi muovevo e quasi non respiravo tanto forte era quel senso di austerità … la prima elementare a Martone col maestro Calvi e poi continuando a Soverato presso la scuola elementare con la maestra Isabella Barbara e scuola media, ginnasio e liceo presso i Salesiani di Soverato  … il professore di educazione fisica Antonio Passafaro dallo sguardo truce alla Lee Van Cleef ma dai modi molto Gandhi …

 

 

Don Gnolfo

… e il mio massimo influencer salesiano fu Don Giovanni Gnolfo che tra i suoi 76 ed 80 anni ebbi modo di abbeverarmi dalla sua immensa cultura e con cui durante molti intervalli mi piaceva sedermi ed ascoltarlo … e anche alcuni pomeriggi andai a trovarlo … viveva in una piccola stanzetta con tantissimi libri … simpatizzava per la destra sociale e mi regalò anche un libro di Don Sturzo e un’altro di Giorgio Almirante … mi raccontava dei sui viaggi in Israele e del suo vissuto a Il Cairo … della sua amicizia con Monsignore Roncalli prima che diventasse Papa Giovanni XXIII … e quando fui sospeso per tre giorni per aver indossato un jeans strappato e rasato i capelli mi disse come scolpito sulla pietra

” … fai sempre tutto quello che senti … non essere mai un rivoluzionario … stai dentro il sistema e cambialo da dentro … la fretta governala con passi felpati e lentamente … costruisci l’Ascolto e la Pazienza …”  

 

Professore Ligato

... le lezioni pomeridiane dal Professore Antonio Ligato per latino e  greco sono state i momenti di studio che maggiormente mi soddisfavano … un uomo buono … paziente … colto … un educatore di stile infondendo persino il metodo della struttura lessicale incluso quello di apprendere appieno il contenuto di qualunque argomento … io fui strafelice quando chiede consiglio su quale impianto stereo acquistare per casa ed andammo insieme a Catanzaro lido per l’acquisto e fiero di averlo montato a casa sua … tanti successi professionali sono merito anche dei grandiosi consigli … e tra i tanti l’avermi fatto concretizzare … come in palestra … il rafforzare “l’ascolto” verso chiunque … ripetendomi che ascoltare significa concentrarsi attentamente sull’interlocutore per cogliere anche i punti cardini della sua personalità … e mi sgridava pure all’aver saputo di qualche mia “marachella” …

Martone

Signor Socrate e Signora Circosta

… nel percorso umanistico dai Salesiani entrai profondamente quando mi venne presentato il Signor Socrate … e la sua grande eredità è l’arte della maieutica … dal greco máia (levatrice) e téchne (tecnica) per indicare l’arte della levatrice che aiuta a “partorire” le verità che attraverso il dialogo … e ogni volta che incontro Socrate il mio pensiero va sempre anche alla Signora Circosta chiamata da tutti i martonesi “la Signora Levatrice” ed io nacqui avendo come primo contatto dopo il parto le braccia di una donna imponente ed anche austera dal sorriso materno … la figlia Irma compagna alle elementari con mia mamma … e tra gli amci del cuore mio padre ha Vincenzo Lombardo del quale ricorda con vivo esempio come divenne stimatissimo Uomo delle Istituzioni affermandosi Procuratore della Repubblica … e che sposò Irma … e mio padre spesso mi ha raccontato che durante la passeggiata serale tra giovani … era consuetudine che il futuro Procuratore ripeteva quanto studiato durante il giorno per essere del tutto sciolto all’esame universitario … ecco perchè il Signor Socrate mi divenne subito familiare …

 

Enzo Gioviale e Pino Sestito

… sono stato molto fortunato ad aver ricevuto la possibilità di essere dentro la “cabina” con il più bravo deejay della nostra regione … preparato tecnico e colto … ci teneva anche che leggessi settimanalmente “la bustina di Minerva” di Umberto Eco  sull’ultima pagina de L’Espresso … 

Mario Battaglia ed Enzo Gioviale

… un uomo di grande stile … poche parole e bei ragionamenti … tantissime volte al 10bis nel dopochiusura per la spaghettata mattutina …. era diverso da tutti … una personalià forte ma pacata e sempre protratto al dialogo … durante gli inverni sempre a chiedere di fargli vedere il libretto universitario … ci teneva tanto alla mia laurea e ne fu orgoglioso quando la portai a compimento  … fiero e grato di aver potuto attingere alla fontana di saggezza intelligenza strategia tattica e stile di Mario … era una gioia poter essergli vicino e quel suo pensiero volava oltre lo spessore della bella provincia … un affetto reciproco fortissimo … anche un saluto ai suoi magnifici gentitori …

Enzo – Lorenzo Procopio – Mario Battaglia

Lorenzo Procopio, Buddy Guy, Enzo Gioviale

… però ebbi pure un bellissimo negozio di dischi dal nome “Tendenthia” e fui magnificamente aiutato da Pino Procopio nell’arredamento e con la scultura preparata da Franco Procopio … il negozio valicò i confini provinciali facendosi conoscere da clienti che persino dalla Svizzera … (grazie alla bravura di Kety Ferraro, Sandra Ferraro e del magnifico Vincenzo Seminaroti il cui senso di amicizia è ben vissuto nella sua totale disponibilità) … i quali clienti acquistavano vinili “12inch” che catturavo andando in giro in posti come Belluno Rotterdam Milano … un mondo magico … e racconto di un bellissimo pomeriggio che trascorsi a casa di Fabrizio Carpanzano il quale diede sfogo alla sua genialità grafica e comunicativa realizzando il marchio per Tendenthia … e di Fabrizio conservo una bella amicizia che è forte per la sua spiccata sensibilità umana e per un colto positivo umorismo … e non ultima quella sua vena newyorkese …

Franco Procopio scolpendo per Tendenthia

… con Leandro Calderoni

 

  … ogni comunità ha le sue icone … e con gratitudine spicca anche la brillantezza di due personalità che con il loro glamour e postura british mi hanno arricchito nel dare corso la profusione alla naturalezza dello stile comportamentale e della cura della persona … Luciano Alcaro e Leandro Calderoni … intanto quando vidi l’insegna col nome “Vaniglia” rimasi subito colpito dal naming che fuorusciva dalla banalità comune … una stylish cloting boutique … e Lilla … la direttrice vendita … bellissima e dal fascino unico … una boutique profumatamente austera … entrando da adolescente mi sentivo come fossi a Sydney … ricordo ancora la giacca blu “Touche” e i vari capi di “Oaks by Ferrè” … entrambi continuano a dare luce come fiaccola nel buio alla nomea della Soverato al passo dei tempi … ancora #1 … due gioielli londinesi nel sole del Mediterraneo … fonte di ispirazione … e nel loro solco un pensiero alla bravura ed al sorriso della Maestra Orafa Lea Urzino …  

 

… nella famiglia il pranzo e la cena quotidiani erano l’occasione di parlare di tutto quanto ruotasse intorno a noi … papà e mamma parlavano apertamente coinvolgendoci … e l’alimentari era la continuazione della casa … siamo cresciuti con le lezioni quotidiane del sano e sorridente rispetto solo verso chiunque fosse trasparente … ricordo che papà rispettava tantissimo e ci parlava benissimo del principale concorrente … Don Giovanni De Pace … e tanti anni dopo il figlio Carlo De Pace fu il dottore di famiglia e salvò la vita a mia madre per una altissima e silente pressione sanguigna …

 

… l’atmosfera favolosa del supermercato di famiglia che per molti anni è stato in assoluto l’attività più affermata nel soveratese … un team favoloso con Mirella, Maria, Caterina, Antonella e Cumpari Peppe …  così come i mercati che Papà effettuava in Bivongi, Soverato e Pazzano … ricordo con tanta emozione e con onore quando l’azienda di famiglia fu scelta per la fornitura della merce all’Istituto Alberghiero per il pranzo in onore a Papa Woytila che visitava la Calabria …

Sandro Mazzola e Giacinto Facchetti

… giocando a pallone col numero 10 ed avendo come allenatore Mister Sgrò … emulando tecnicamente Eraldo Pecci e Giuseppe Dossena mi fece gioia quando alla scuola elementare ci fu la visita di Sandro Mazzola (la sua mano sulla mia spalla) e Giacinto Facchetti … il basket a Soverato è stato un momento di valida socialità per molti ragazzi che siamo cresciuti sotto regole rigide ed al contempo gioiose … l’allenatore che più mi ha emozionato è stato Giancarlo Rosso … buono come il pane e raro nel sorriso … un tecnico e stratega … 

… e organizzando anche i più grandi veglioni di fine d’anno con un “Enzo Gioviale DJ” che era un vero e proprio brand di successo sotto l’egida di un astro nascente come Piero Teti che ha in se la tecnica e la magia del “dove tocca lo traasforma in oro” … educatissimo e macchina di lavoro incessante …

… bello pure il regalo a mia sorella Marisa di farle incontrare Franco Battiato … il suo idolo ma anche il più grande cantante italiano in assoluto senza se e senza ma solo si …

un grazie eterno al fantastico Bruno Sasso che è stato capace anche di far fare la foto col Maestro Battiato che non ha concesso a nessun altro di poter accedere nel camerino …

… e Bruno oltre che vero e spassionato amico è una fonte di saggezza nella migliore tradizione calabrese … e lo stimo per la sua innata predisposizione a raccontare il patrimonio culturale attraverso l’oralità … storie popolari … trasmissione del sapere … narrazioni … frasi … leggende … favole … che tanto aiutano nella costante crescita umana che tanto utili sarebbero nelle scuole e nella società modena …

… ma quando ebbi modo di potermi inchinare per salutare e parlare meno di venti eterni minuti con Rita Levi di Montalcini ho sentito il calore della luce di Dio … e allo stesso modo in tutte le volte che stavo con mia nonna Marianna …

… come pure il grazie alla professoressa universitaria Simona D’Anna con cui ho fatto la tesi e grazie a lei ebbi la immensa fortuna di fare visita al Cardinale Agostino Casaroli con cui rimasi circa tremilioniseicentomila millisecondi dando lustro al concetto di ascolto perché va oltre la fortuna stessa essere con un uomo di tal portata e poter fare domande sul processo di preparazione del crollo del muro di Berlino … la professoressa D’Anna quasi non parlò … e sento ancora la voce dal piacevole basso che al ritmo calmo ti dava parola dopo parola che entrava dentro come fosse l’ultimo bicchiere d’acqua … assaporando ogni singola vocale e consonante … e mentre si era col Cardinale Casaroli la mia memoria volò alla sua somiglianza con l’Ingegnere Mario Gioffrè a cui la mia famiglia è molto legata … un uomo magnifico che ha sempre nutrito grande fiducia per noi … ed anche nella timbrica vocale si somigliavano … e l’Ingegnere Mario Gioffrè fu la prima persona che andai a trovare per notiziarlo della laurea in giurisprudenza e mi abbracciò forte con vero sentimento … 

Grozny Cecenia 2019

… da piccolo mia mamma mi faceva ascoltare Jesus Christ Superstar e Cat Stevens … conservo ancora il long-playing di Renato Zero che mia cugina Mariella mi regalò in una domenica martonese …

… il santo del cuore è San Giorgio che uccide il drago e salva la fanciulla …

Moskow Sheremetyevo 2015

Enzo Palmisciano

… e desidero soffermarmi sul talento che durante la mia crescita mi sbalordiva …

… Enzo Palmisciano … talentuoso per bacio di Dio … 

… break-dance? … ci lavorò così bene che la sua struttura espressiva era completamente come i b-boy del Bronx di NewYork … 

… educatissimo … mai una sbavatura … si cimentò nel ciclismo raggiungendo una estrema professionalità e via via acquisenzo le tecniche “alchemiche” di lavorare l’oro per divenire anche un prestigioso designer … 

… lo ammiro ed era … (come lo è) … esempio cosa sia la Tenacia … il Temperamento ed il calarsi profondamente in qualunque cosa si faccia per raggiungere le vette della professionalità … un esempio per tutti …   

Kyiv Zhuliany Airport 2019

… pubblicai anche un pamphlet di 23 pagine dal titolo “La Rinascita” che scrissi in amore alla mia terra enucleando i caratteri essenziali per rilanciare il territorio … e mi viene in mente che ogni domenica … sino all’età di 15 anni … si era soliti, tutta la famiglia, partire da Soverato per andare al paese natio Martone a fare visita ai nonni paterni e appena giunti … dopo aver salutato i parenti correvo subito a sedermi nella bottega del calzolaio Mastro Peppe … che mi raccontava tante storie della sua vita e del suo antifascismo … Nonno del Primo Ministro Morris Iemma in Australia che oltre a gente come George W Bush e Vladimir Putin mi regalò il grande onore di ospitarmi in Parlamento facendomi anche pranzare nella buvette insieme ad altri suoi colleghi …

Signora Vincenza Procopio

… in famiglia si è sempre parlato della gratitudine verso la magnifica gente di Soverato … la grande stima per un galantuomo d’altri tempi come Giovanni Sirianni … affascinante per la sua umanità densa di profumata Magna Graecia …

… e la Signora Vincenza Procopio e la Signora Teresa Triggiano sono la punta di diamante …

… uniche ed irripetibili …

Checco Mantello – Domenico Aspro – Enzo Gioviale

… tra le tantissime belle amicizie conservo in particolare, con profonda ed insita custodia, quella con Domenico Aspro, Checco Mantello, Camillo Viscomi, Piero Teti … e sinceramente ho verso Saverio Cappuccino un ricordo forte e che consigli mi elargiva

… e aggiungo la moltitudine di giornate … mesi e mesi … trascorsi con Tommaso Bevacqua responsabile immagine del Nobel Carlo Rubbia durante la direzione del CERN di Ginevra… e Tommaso ha preteso che leggessi e relazionassi anche su Georges Gurdjieff e Dostoevskij … beh … tanti carichi momenti prima della partenza verso la strada professionale costellata dalle luci del grande spessore e livello di cui mi abbevero nella azione quotidiana … ed amo riconoscere a Turi Caminiti la sua caratura di filosofo marxista che tanto affascina nel ricordarci di essere sempre vicini a meno vantaggiati …

Vito Cristofaro, Pasquale Leone, Enzo Gioviale

… pure una bella esperienza come editore televisivo in società con Mimmo Micò di “Europa TV” a Soverato che divenne l’emittente che durante una campagna elettorale parlamentare indirizzai a favore dell’Onorevole Franco Piro e contro Pino Soriero … a favore della mia idea di favorire Sostanza contro Superfluo … di Storia contro la Cronaca … e Franco Piro rimane certamente uno dei più brillanti politici della storia repubblicana italiana … e lo frequentai tanto … mi fece conoscere Gianni De Michelis, Pierferdinando Casini, Enrico Ferri … posso affermare di essere amico della Dea Fortuna … 

 

… Franco Piro è tra le molte cose colui che più si battè per le persone con ridotta funzionalità … 

… e durante quella strepitosa campagna elettorale conobbi la raffinatezza e la bravura di Gabriella Posca che coordinava eccellentemente la segreteria

Kyiv Metro 1

… e conoscendo praticamente il quasi tutto della musica e dei più disparati generi che seguo ed inseguo … il Barbiere di Siviglia è potente ed il Requiem di Verdi è corposo … dico che quando voglio concentrarmi nel mondo profondo della scrittura mi diverto a comporre ascoltando le versioni in spagnolo di Eros Ramazzotti … penso e scrivo vivendo appieno l’insito della mia anima … concentrato fortemente su atti e contratti … strategia e tattica … lucido sulle regole … tralasciando il superfluo per cogliere l’essenza e sentendo però il calore incessante delle mie figlie e delle persone a me veramente care … sentendo anche lo sguardo ed il sostegno che dal cielo mi giunge …

… Tante Belle Persone …

… un nome, dieci … cento pagine …

… ognuno educato con amore da genitori che si sono totalmente prodigati per noi tutti …

… e la  “comitiva”… anni di gioventù sempre insieme … Massimo Nuzzi … Massimo Gualtieri … Massimo Gualtieri jr. … Domenico Corapi e Graziella Scorrano  … Vincenzo Destito … Nino Riso (il papà sempre sorridente e ci ricordava di essere discendente di pura famiglia “soveratana”) … Fulvio Calderoni … Pino Ferraro … e poi Anna Scorrano … Graziella Procopio di bella personalità … Fabrizio Rondinelli la cui mamma solo dagli occhi fa uscire una maternità meravigliosa … Salvatore Arena … Sergio Nuzzi … Gregorio Cappuccino … Maurizio Romanò … Pino Sia … Nada Rombolà … Lino Gerace … Lella Candelieri …

… i favolosi Massimiliano&Stefania Laurendi  … Gaetano Stagno … Franco Procopio … Vincenzo Mirarchi … Rocco Romanò e la cara Zia  … Vito Cristofaro … Sissi Sorrentino … i fantastici fratelli “Cioleo” Antonio e Pasquale Leone … Michele Amadori … Christian Arcuri … Kety Ferraro … Sergio Marotti … Tonino Carlostella … Giuseppe Pirelli … Antonio Scorzafava … Giacomo Bianco … Monica Mongiardo … Lilly Mongiardo … Nayla Nassar … Paolo Mosca tanto speciale quanto Lillo … Franco Repice … Saverio Macrina umanista e tecnico del diritto …

… il tocco magico calcistico di Aldo Sità così come il suo sempre sorridente saluto per le persone ed il suo amore per Soverato … Giandomenico Stumpo “Miles Davis” e la sua piacevolissima sensibilità umana … tic tac … ogni nome parla di amicizia … luce e voce dentro di me …senza mai una fatica … Salvatore Urzino che come eccellenza artistica del sassofono sa suonare bene le note dell’amicizia nei tantissimi momenti insieme e Ted Riverso “16luglio” … una persona favolosa … il come amare i genitori … e chitarrista dalle doti di Mark Knopfler … Saverio Corapi …

… tra i compagni di scuola ricordo un momento con Sergio Callipari (un leone corretto ed altruista) durante un intervallo delle ore 11.10 … quando mi raccontò di come anche a casa sua vi era regola di sedersi a tavola sempre curati … potendo parlare solo dopo aver ascoltato … con delicatezza senza interrompere … suo papà Pasqualino sempre gentile nei modi e sorridente nel viso … e aggiunse di quanto papà Paqualino ci teneva anche per l’abbigliamento come si fosse ad un tavolo di gala … la nostra crescita era una dovizia di particolari … di sani comportamenti … la scuola inizia e continua dentro la famiglia … amare i genitori significa non dimenticare nulla della loro concreta profusione di amore dataci giorno per giorno …

… ed il condominio più bello … primo piano la famiglia Battaglia di Don Vito e Signora Teresa … secondo piano Professoressa Anna Battaglia … terzo piano la Famiglia del Preside Mosca e sullo stesso piano la Famiglia Vincenzo Caridi … quarto piano la Famiglia dell’Ingegnere Mario Sinopoli e Signora Mirella ed al quinto la Famiglia Palmisciano …     

… e curarceli giorno per giorno …

… e di tutti quanti il profumo dell’erba fresca appena tagliata …

 

 

La Politica

Nicosia Cipro 

… la Politica è sempre stata una passione … ereditata in famiglia … e le esperienze avute hanno forgiato un indirizzo di visione larga verso il mondo in cui vivo …

… mi sono tesserato al Partito Popolare Italiano con Martinazzoli segretario … divoravo i discorsi e le interviste fatte a Riccardo Misasi … Oscar Luigi Scalfaro … Ciriaco De Mita … Bettino Craxi … e Francesco Cossiga

… conservo ancora la tessera del Partito Comunista Italiano di mio nonno mentre mio padre da socialista mi affascinava con le sue storie di come si organizzarono per vincere le comunali a Martone battendo il Don Franco Calvi che da podestà continuò come sindaco sino al 1964 battuto da una lista di giovani socialisti …

… mi piaceva molto la Democrazia Cristiana perché rispetto ai piccoli partiti era un mare magnum dalle tante anime cristiane e quello che maggiormente ho sempre ammirato è stato Roberto Formigoni che nessuno è riuscito mai ad eguagliare ed in Calabria neanche quantomeno a copiazzare per renderla la più bella regione europea come egli ha di fatto reso la Lombardia l’orgoglio d’Italia  … ho passeggiato spesso “a braccetto” col senatore Angelo Donato coi suoi tanti consigli e anche con l’onorevole Guido Mantella ed i suoi racconti …

Sofia

… acquistavo sempre l’Espresso … rilettura costante de “l’Arte della Guerra” di Sun-Tzi … il De Bellum di Von Clausewitz … Don Sturzo … ma soprattutto “I Princìpi del Divenire” di Aristotele … passando dal Principe di Macchiavelli …

… e tanta Oriana Fallaci con le sue interviste alla Storia ed al Potere … affascinato tantissimo da Nixon e per nulla da Kennedy … moltissimo da Kissinger … Fidel Castro ma non Che Guevara … i discorsi della Golda Meir … l’azione di Sirimavo Bandaranaike … appassionato delle dinamiche dei Balcani … Tito e Todor Tzhivkov …

 

… ho sostenuto, con forte passione e “casa-per-casa”, l’Onorevole Piero Amato … galantuomo dal grande fervore socialista … un socialista vero e verace … probo e in aiuto della classe bisognosa … e anche i consigli paterni di Pino Rocca …

Gina Lollobrigida, Gianni Calabretta, Enzo Gioviale

… alle comunali di Soverato non ho votato “Pedalando Volare” che è stata la più bella azione riformatrice che io abbia direttamente vissuto … dirompente come la Cavalcata delle Valchirie di Wagner …

… nessuno in Calabria come Gianni Calabretta e Claudio Rombolà che sono quelli che obiettivamente ho ammirato per la bravura di innestare nel contesto normativo la fucina di idee che la burocrazia ingessava … trasformarono Soverato in punto di riferimento nazionale sul cambiamento anticipatore del futuro per tematiche come ambiente, territorio, legalità, turismo e cultura …

… sento ancora la bordata di fischi a sfavore del nostro candidato a sindaco durante la chiusura della campagna elettorale ed il grido di festa per la vittoria di Gianni Calabretta sindaco … io sostenevo Mario Battaglia … quanto è bella la democrazia … e pur essendo stati noi sonoramente sconfitti ho gioito per quello che è stata l’ultima volta a vivere una partecipazione popolare volta al rinnovamento … per certi versi simile ad una sorta di “Rabbia ed Orgoglio” della Fallaci … la gente festante che scende tra le strade per dire basta attraverso il sorriso e la gioia del cuore … questo è successo …

… tutti i sindaci successivi sono stati uno dopo l’altro i campioni del declino della politica … semplici amministratori senza visione che si autoglorificano pompando il nulla … dalla pochezza disarmante … nessuno che abbia mai coinvolto le teste pensanti che amano Soverato nei fatti quotidiani …

… spiccavano gli interventi di Matteo Caridi in consiglio comunale con alto spessore nei contenuti con una preparazione acuta sui temi da trattare (non mi sfugge la gioia del papà di Matteo quando fu eletto consigliere comunale la prima volta … più giovane consigliere in assoluto tanto difficile fosse entrare in politica) … e il craxiano Sandro Nisticò la cui oratoria era imbastita di una possente vibrazione socialista ed ogni suo passaggio verbale conteneva un costrutto che andava oltre il territorio locale …

… oggi siamo privi di quelle fontane la cui acqua aiutava tantissimo nella crescita culturale ed economica non solo di Soverato …

 

L’ospitalità a Gina Lollobrigida 

 

 

… ancora un pensiero su Gianni Calabretta … cosa dire di una persona che per il convegno per l’anniversario dell’Istituto Tecnico Commerciale crea il titolo “La città è scuola” riprendendo le fila di Antonino Calabretta, in assoluto il sindaco che solo il figlio ha eguagliato …

… c’è sempre viva in me la sensazione fisica insieme al suo profumo che trovo con occhi felici nella fragranza del pane che esala dal panificio … il desiderio del pane fresco e caldo … il concetto che vi è nella spiga … per essere veri forti e sereni bisogna sempre coccolare il bambino dentro di noi e intimamente pure sentirsi poveri per non dimenticare «l”odore caldo del pane» per chi non può in senso lato sfamarsi … essere autentici per affrontare con coraggio e serenità la propria vita e darsi anche ai tanti deboli … e svegliare la coscienza tra le strade cittadine contro l’egoismo … ed in tutte queste mie parole c’è Antonio Pittelli … guerriero di altruismo … le mani protese verso il prossimo … instancabile forza … luce … e sorriso … il teatro come dedizione concreta verso il bene altrui … un esempio di cristianità …

… sono stato candidato da “I Democratici di Prodi” nel collegio Soverato-Satriano risultando il più votato nel centrosinistra e dico ancora mille grazie ai tantissimi soveratesi che mi hanno sostenuto …

… e ancora grazie alla potente squadra della segreteria … il più piccolo era Daniele Rondinelli … eccellente … smart e già predisposto al successo nel marketing e comunicazione … e Paolo Vitale un unicum nella pianificazione … il Dottore Francesco Pascolo concentrato sul programma politico … il sempre sorridente e disponibile Pasqualito Nocita sul territorio quartiere per quartiere con camper …

… e soprattutto Domenico Greco che ha svolto con estrema precisione e acuta attitudine il ruolo di “data collector” … raccogliendo e trasformando in prodotto politico le istanze psicologiche e sociologiche di ogni singolo elettore … avevo voglia di vedere Soverato più sviluppata e scrissi un libricino dal titolo “La Rinascita” e lo inviai al Professor Romano Prodi creatore de “l’Ulivo” e mi rispose con una lettera vergata anche a mano promettendo che sarebbe venuto a Soverato e che poi fece …

Antonio Illiano, Antonio Di Pietro ed

Enzo Gioviale

… grande maestro di strategia e tattica politica è stato Rocco Pompeo Imperitura per la cui pacatezza … visione … azione del pensiero ed i suoi risvolti è da porsi alla stregua di un Cardinale Richelieu … e l’avvocatura innata di Memmo Grillo con la sua grecità nei labirinti di saper contribuire alla stesura di una legge regionale …

… il momento però che maggiormente ho vissuto come apice di responsabilità organizzativa è stato da capo della segreteria elettorale per Giancarlo Pittelli … alla sua prima competizione parlamentare … di quei cinque intensi mesi del 2001 ricordo due particolari momenti:

… la fierezza del dipartimento di statistica elettorale messa in piedi dal +che amico Domenico Aspro e gli occhi felici di Bruno Manti che brillavano per il metodo impostato ad implementare la nostra azione contro la determinata forza d’urto che Pino Soriero da Sottosegretario di Stato non poteva non vincere … e fu deliziosamente sconfitto … e di Bruno Manti ho la gioia di ricordare quanto amava le ciliege che trovava nel frigo di casa scelti apposta per lui …

 

 

La lettera ricevuta da Romano Prodi

La Segreteria Politica

    Rock’n Rolla

… ho frequentato il Rock’n Rolla per oltre quattro anni e credo di aver avuto la fortuna di scoprire tanta nuova bella gente …

… Soverato ha un bel contenitore di persone di grande umanità e sono tantissimi … tra queste ho avuto modo di stringere amicizie sane … conoscevo per fama l’Avvocato Staiano e durante diverse serate vi è stato modo di diventare amici anche con la  moglie Rossana e la sorella … persone troppo brave, colte sincere e sempre vicine ai bisognosi così come ho anche l’amicizia col Dottore Giuseppe Cicala che definire magnifico è riduttivo … il calore della gente di Soverato è una bella linfa per vivere bene …

Gino Scotti

… la pietra miliare … lasciare il segno ed essere tutt’ora imbattibili

… l’amore vuol sentirsi dire le cose che sa già … una un’eterna confessione …

… l’innamorato ama la ripetizione … il «ti amo» reiterato … che non è mai superfluo e non è mai identico …

… «Mai la stessa onda si riversa nel mare e mai la stessa luce si alza sulla rosa: né giunge l’alba, che tu non sia già altro» …

… per Gino Scotti nutro un forte sentimento di amicizia … con le sue segrete potenzialità … che ininterrottamente mi ha fatto vedere il loro sbocciare facendole fiorire davanti ai miei occhi …

… un uomo dal cuore costantemente passionale … la sincerità e l’autenticità che sempre dominano … il contrario dell’ipocrisia che simula sentimenti spenti …

… Gino è la lampada della lealtà … le tantissime sedute insieme a parlare sempre di cose belle … una devozione imbattibile … arguto e sveglio come pochi … l’amore per la Napoli … 

… i racconti e le confidenze … il suo spessore nel fare cose gradite e compiere gesti da eroe … il cuore e la mente del Rock’n Rolla … con le cuffie ad ascoltare Gigi D’Alessio … gli occhi di luce per la nostra amicizia … 

… l’amore come focolaio di vita … è nel podio degli amici …

… e se proprio ripeto cosa mi dice il cuore … è forte ed impavido come William Wallace di Braveheart …

Stefania Costantino

 … unica ed irriadiante … fiducia … le chiavi di qualunque cassaforte … la precisione … la bellezza mediterranea che dovunque splende … il sorriso … l’intelligenza … una innata Margareth Tatcher … talentuosa … non basta la Treccani per elencare le sue eccellenti qualità … Dea in carne ed ossa …

… il Rock’n Rolla è stato il più bel locale di food&drink mai realizzato in tutta l’area del soveratese … un esempio di osservanza delle normative ed il suo apice fu raggiunto quando l’Arma dei Carabinieri lo scelse come location per i pranzi e le cene dei propri agenti e ringraziando infinitamente l’allora Capitano Saverio Sica per aver fatto gioire la presenza dello Stato … 

 Gioviale & Partners

Avvocato Enzo Gioviale

e

l’ Avvocato Giuseppe Costarella

… con due anni di praticantato legale e due anni di praticantato notarile frequentando anche la Scuola Guido Capozzi di Napoli … al conseguimento del titolo di avvocato ricordo vivamente gli auguri sinceri e calorosi dal prestigioso e sempre saggio Avvocato Signor Giuseppe Costarella … e decisi sin da subito di dedicarmi al diritto internazionale specificatamente nel societario … finanziario e delle commodity …

 

 

… i paesi scelti sono stati sin da subito la Serbia, la Bulgaria, la Georgia, l’Armenia e l’Ucraina … paesi con culture favolose la cui gente è per certi versi molto simile alle nostre usanze e costumi del SudItalia  … conosco di ognuno di essi … profondamente … il modo di pensare … le caratteristiche culinarie … le musiche … balli folkloristici … l’arte … l’industria ed il commercio … la natura … la Cristianità … molto moltissimo ho imparato …

… una storia professionale avviata con “Gioviale & Partners” ( www.gioviale.com ) uno studio legale sempre attento ai parametri dettati dal “Circle Magic” londinese … guidato eccellentemente dall’Avvocatessa Graziella Gioviale … assolutamente improntato sulla padronanza delle leggi e dei regolamenti attuativi … e una dimostrata genialità di approccio nel miglioramento della prassi più evoluta … la base giuridica portata avanti è nel solco di tracciare soluzioni concernenti problematiche di spessore anche governativo e selezionando solo player privati di provata forza storica …

… selezione massima di operare solo con società dal rating eccellente e con persone dal profilo brillante … legal advisor di società il cui valore rientra nelle prime dieci posizioni di forza societaria del proprio Stato di appartenenza … la vera amicizia con Gianni Ciacera che è stato il promotore di un incontro con il ceo della più grande banca italiana … e tra la nostra clientela spiccano Finmeccanica … ENI … TAM-Tblisi …

… ed ho la gratificazione di una amicizia di vecchissima data con Vincenzo Cerra che reputo il più grande professionista per preparazione … per cultura e per educazione … il risultato della intensa vita professionale è condensato nel fatto che come in Italia … sento vivo il calore delle vere amicizie che si hanno a Sofia … Tbilisi … Yerevan … Kiev e Belgrado che sono a tutti gli effetti luoghi dove sento forte il profumo di casa … sono stato anche in Cecenia nel 2008 e nel 2019 … un paese ricco di ospitalità e ben ricostruito … ho visitato oltre Grozny le principali città … i ceceni amano molto l’Italia e tutt’ora conservo l’amicia con le diverse persone che ho conosciuto … educazione rispetto e sorrisi spontanei nei loro volti … una bella sorpesa anche nella seconda tornata … e sono certo che si ritornerà …

 

_________

Eduard Shevarnadze

 

Presidente della Georgia

Ministro degli Esteri della Unione Sovietica 

La Georgia è un paese meraviglioso

… non solo il Presidente Shevarnadze che amava tanto l’Italia e stimava gli italiani e mi ha onorato anche di essere ospite nella sua residenza privata … una maestosità politica impressionante …

… ma anche una solida amicizia con Pantiko Tordia e Rezo Egadze che sono la punta di diamante della Repubblica di Georgia …

Vincenzo Cerra

… “è il mio Essere Speciale” per antonomasia che mi fa ricordare la canzone di Franco Battiato …

… in chi si sa prendere cura dell’amico … donando “il silenzio e la pazienza“, la conduzione per “le vie che portano all’essenza“… regalando “le leggi del mondo“ …

… con quella misteriosa spinta che ci porta ad accostarci a qualcuno e decidere di percorrere insieme il percorso della vita …

… è in assoluto la persona a cui sono più legato e con cui non vi sono limiti di spazio e tempo …

… è un regalo sceso dal cielo … a tutti gli effetti …

Il Faro

 

 

… i fari dominano il mare da luoghi di struggente e inaccessibile bellezza … svettano sulle acque … slanciati e possenti …

… come i vecchi castelli delle fiabe … ispirano nello sconfinato orizzonte marino …

… ed ogni faro va ben al di là del mero ruolo di aiuto ai naviganti …

… con la loro luce che illumina l’oscurità e conduce i marinai alla salvezza ogni faro rappresenta la luce interiore che rischiara i recessi più bui della nostra anima …

Filippo Alampi

… pacato … costruttivo … sognatore … l’onestà fatta persona … un uomo dalle possenti qualità umane … riflessivo e paziente … un galantuomo per antonomasia … preparato oltre ogni paragone nel diritto e nella procedura tecnica industriale … compagno di tante battaglie con Gianni Marrapodi, legati nella correttezza di una amicizia solida per una destra sociale pura e republicana … Filippo mi ha insegnato moltissimo come un capitano può essere visionario anche nel vissuto della quotidianità … “rabbia ed emotività sono strategicamente controproducenti per cui bisogna restare sempre calmi ed obiettivi” … un gigante di bontà e di cultura … voglio tanto bene a Filippo ed i suoi occhi sono una luce calda che ti avvolge come solo la famiglia sa infondere …

Andrei Andreev

… e ogni faro fa luce per tutti coloro che hanno la fortuna di scorgerlo e unisce tutti rinsaldandoli nella determinazione a raggiungere rive libere e felici ho piacere di sintetizzare il mio grande amico della grande Bulgaria … un uomo magnifico … internazionale … la Forma e la Sostanza … brillante … l’Amicitia … avendo dovuto studiare il “De Amicitia” di Cicerone ricordo le parole di Don Mariani che l’amicizia è nulla di tanto adatto alla natura umana e tanto conforme sia alla buona che alla cattiva sorte … e con Andrei Andreev ho praticato che viver felici è nel possedere la fortuna degli amici … la cura degli affari pubblici e privati … la condivisione dei beni propri e collettivi … armonia dei desideri e delle idee … l’amicizia che dimostra lealtà … onestà … imparzialità … generosità … senza alcuna cupidigia e sfrontatezza ma con virtù … fermezza e humanitas … insegnamenti indelebili … un vero business-man dal cuore cristallino …

Rezo Egadze

… il faro per molti navigatori è un insieme di emozioni, un segnale per orientarsi sia di giorno che di notte … e anche oggi tra gps ed elettronica segnaletica si è legati alla luce dei fari di cui ogni buon marinaio conosce il significato e le differenze … ogni faro ha un’anima … la luce … l’ombra … la natura e la sua posizione … e l’amicizia forte con Rezo Egadze è per me ben contornata da molti insegnamenti e dallo spessore della sua esperienza di Uomo di Stato nella Repubblica della Georgia …

 

Joseph Kokkinos

… è un uomo fantastico … la sua brillantezza … tra le persone più stimate di Cipro … cristiano maronita … il suo senso di innata protezione verso i familiari e gli amici … la sua disponibilità umana e i ragionamenti acuti … la gentilezza del protocollo e l’umanità verso la gente … il ricordo sempre vivo verso i genitori … la tradizione come guida costante in ogni passaggio quotidiano …

Istanbul Tbilisi

Massimo Cimatti

… il mio legame a Massimo è ridotto a poche parole … al suo porsi al mondo con un sorriso che esce anche dalla luce dei suoi occhi … è un faro che ricorda sempre che se si mettono al primo posto i metodi di aggancio, l’abilità promozionale, le strutture, si corre il rischio di fare solo propaganda … il «mirare basso» è spontaneo in chi si illude di fare facendo il minimo … una legge della società che cerca di puntare sempre allo sconto, allo sforzo ridotto … e Massimo vive con un autentico cristianesimo … tendendo all’alto, alla totalità … e nel business sono qualità che solo pochi sanno infondere …

Giancarlo Montini

… è nella sua sensibilità … nel suo alto sapere … nella sua essenza che lo pone ad essere un punto di riferimento culturale e carismatico … un faro che emana il calore della anima umana e la caratura della concretezza … la prontezza della sintesi … lo sguardo oltre il domani e la freschezza di un pensiero sempre atto all’oggi che anticipa il futuro … nel suo parlare c’è sempre una lezione …

Elio Fazio

…  mi aiuta molto Harry Potter … e Albus Silente che dice … “Le nostre scelte, Harry, mostrano ciò che siamo veramente, molto più delle nostre capacità” e se “tempi scuri e difficili ci attendono … scegliamo sempre il giusto da ciò che è facile… Elio è speciale per essere sempre vero … dai grandi valori … i valori che si vivono in montagna … nella parte alta … realismo … chiarezza … concretezza … rispetto …

 

Paolo Moniaci

… la purezza e la cristallinità … la volontà e la dedizione … l’educazione prima di tutto … il tracciato come futuro … senza infingimenti … dire la cosa giusta al momento giusto … ma anche tacere la cosa sbagliata quando si è tentati di dirla … l’ascoltare è sempre superiore al parlare … lasciandoci anche insegnare cose che già si sanno … è frutto di una Mamma, Nonna e Zie infinitamente meravigliose …

Francesco “Ciccio” Battaglia

… è stato uno dei primi amici appena siamo arrivati a Soverato … eccellente avvocato … in lui riconosco dopo tanti anni di amicizia la qualità oramai rara di saper vivere il presente nel rispetto delle regole genuine che la tradizione meridionale incessantemente riporta a tenerle sempre in caldo … quando un popolo non ha più un senso vitale del suo passato, si spegne … la giovinezza dei popoli è una ricca vecchiaia … la memoria ha una forza «vitale» e creatrice … il futuro di un popolo non è tanto in una massa di giovani frementi ma scarsamente dotati di valori, di conoscenza, di eredità culturale, bensì in una vecchiaia ricca di quel mirabile patrimonio che i nostri padri e antenati hanno prodotto e custodito … la memoria è «lo scrigno della scienza» perché non si può cominciare mai da zero … siamo nani sulle spalle di giganti … e solo per questo vediamo più lontano di loro … e l’appello biblico per eccellenza è: «Ascolta!… Ricorda!» il passato è come una sorgente che alimenta il fiume del presente e ci spinge verso il futuro e il mio carissimo amico Francesco ha una sua delicatezza e bontà frutto dell’amore verso il passato con occhi sempre rivolti al rafforzamento quotidiano dell’amicizia … 

 

Enzo, Elio, Vadym e Aram

Aram Gheorghian

… si intrecciano tanti elementi nel rapporto di amicizia … la sincerità ma anche la delicatezza … la verità ma anche l’affetto … la confidenza ma anche il rispetto … è per questo che è facile avere compagni … alleati … simpatizzanti … sostenitori … ma è difficile avere amici nel senso pieno del termine … ed Aram è un amico proprio nel senso pieno del termine … in lui c’è la bellezza della Armenia … con la sua storia e la sua cristianità  … una persona ricca di umanità e di intelligenza … quando si ha la fortuna di incontrare una simile presenza nella vita, è piacevole coltivarla, curarla, tutelarla perché … come tutte le realtà autentiche … essa è delicata …  

 

Gianni Bruzzese

L’Italia è tra le nazioni su cui il termine “genialità” è tra quelli che la rappresenta per lo spessore della creatività e per il fatto che alcuni italiani nel corso dei secoli continuano a regalare al mondo tantissime emozioni fattuali.

Senza alcuna spocchia e ben sapendo cosa sto scrivendo … ci tengo a dire che in Gianni vive il Leonardo Da Vinci … ha il talento della semplicità che ultima la sofisticazione … in Gianni i dettagli fanno la perfezione e la perfezione non è un dettaglio … ma di Gianni ho la fierezza di una amicizia che inizia dalla nostra gioventù ed è sempre compatta e solida … è il miglior fratello che si possa desiderare … il miglior figlio che un genitore possa desiderare … ed il miglior modello di marito che ognuno vorrebbe per una figlia … è per me speciale ed è ineguagliabile in tutto … l’unico aspetto su cui noto un difetto è che divora i dolci e snobba i cibi salati …

Guido Princi

… eccellente in matematica … bravissimo nel costrutto linguistico di un contratto … comunista nella sua vera accezione e fervente cattolico … mi ha raccontato ogni bella e preziosa memoria della sua vita … di qualunque età … il forno del papà … la devozione per la sua mamma … la disponibilità reciproca con la sorella ed il fratello … combattente e colto … tantissime storie tra cui quella del monaco grasso con corda alla mano che conduceva il suo asino … e questua dopo questua il povero asinello sentiva sempre più il peso della tanta roba che veniva riposta … faceva pure caldo … e lo stesso monaco nella salita che portava verso il Monastero accusava anch’egli stanchezza e afa tanto da fargli decidere di appoggiare il suo cappello sul capo dell’asino … e non appena lo poggia … immediatamente l’asino crolla per terra ed il monaco lo guarda e gli dice 

” … Dio Mio … Mamma Mia … per un cappello così leggero sei caduto … “

… a dimostrazione che ogni favola ha la sua morale ed io il mio Esopo … con Guido ho trascorso momenti magici favolosi … di altissimo e apicale profilo professioanle … non ricordo mai un suo no ma sempre un darsi da fare con moltissima volontà e determinatezza …

… mi fece conoscere un suo caro amico di famiglia … Sua Eccelleza Monsignore Carmelo Hilary Franco braccio destro del Cardinale Paul Marcinkus … un incontro bellissimo ed entusiasmente … con Guido abbiamo fatto insieme oltre centomila kilometri di macchina … e dentro la macchina le sue storielle oltre che affascinarmi sono ancora quella linfa vitale di cui mi nutro nel quotidiano …

… in visita al più antico monastero ortodosso della Georgia …

Enzo Carlo&Fabio Mancari

Carlo Mancari

… è l’architetto per i migliori consigli ed anche l’Architetto per professione … preciso e sempre di parola … attento alla punteggiatura umana ma sempre dedito alla cura della amicizia … apprezzo la sua galanteria alla stregua di un Conte di tradizione inglese … è l’autore del Rock’n Rolla che a detta di tantissimi è stato il locale più bello mai fatto … si sa inoltrare su un mare sconfinato con una piccola imbarcazione e la spontanea necessità di conoscere col richiamo della verità sempre in umiltà … ma anche coraggio, ricerca, testimonianza …

Tonino Macrì

Un amico che dimostra nel tempo ogni giorno la grazia innata di chi ti apre la porta di casa in qualunque ora di una qualunque giornata … la disponibilità … il suo «cercare» con profondità ogni soluzione … «in Tonino si può stare tranquilli» … i giusti consigli prima di ogni partenza e il riposo nell’approdo di una navigazione … in Tonino mai assaporata l”indifferenza … l”inerzia … ma sempre la ricerca … e come nel Socrate di Platone «una vita senza ricerca non merita d’esser vissuta» … sempre col sorriso e mai cupo … una fontana a cui poter dire grazie per l’acqua fresca che sempre sgorga nei lembi del deserto quotidiano di un pianeta dove l’Amicitia è il bene più prezioso … ed il Dottore Macrì è semplicemente una sua icona … 

 

 

Avvocato

MariaGrazia

Gioviale

.

.. difficoltà oggettiva … è una bravissima avvocata …

… guida con padronanza tecnica lo studio Gioviale & Partners … meticolosa … preparata … linguaggio con spessore chiaro e tecnicamente ineluttabile … brava nel centrare il cuneo … dedita alla ricerca della soluzione … e la trova sempre …

… un piacere porre una questione … ti ascolta e si concentra sempre nel darti il giusto ambiente per snocciolare il problema che poi risolve lei … non si ferma mai …

… ma oltre l’avvocatura per la quale vi è un segno divino voglio soffermarmi sulle qualità umane …

… sempre sorridente …

… un capolavoro umano di cui vado oltre la fierezza … 

Sito Web realizzato nel gennaio 2020 ed aggiornato il 20 gennaio 2021 con il seguente ANSA:

https://www.ansa.it/pressrelease/economia/2021/01/18/enzo-gioviale-piu-aziende-italiane-dovrebbero-quotarsi-in-borsa_5780cd2d-d112-4cb8-84f2-e882c5ac2823.html

 

STUDIO LEGALE

Gioviale & Partners

Avvocato

GRAZIELLA GIOVIALE


avvocato@gioviale.com

Via Principe Amedeo 42

46100 Mantova

P.Iva 02530670799

Privacy e Cookies Policy